Fondo liquidità

I fondi monetari ( o anche detti fondi liquidità) si caratterizzano per il fatto di investire in titoli di debito a breve scadenza, al massimo 18 mesi, emessi da debitori ad elevata solvibilità e negoziabili in un mercato liquido.
I fondi monetari – come quelli obbligazionari e diversamente da tutti gli altri – non possono, per legge, attuare investimenti in azioni.
Il flusso di reddito atteso da questi investimenti è costituito prevalentemente da interessi. Le cedole incassate possono essere reinvestite nel patrimonio globale, oppure possono essere liquidate periodicamente ai possessori delle quote del fondo. Nel primo caso si parla di fondi ad accumulazione dei proventi, mentre nel secondo caso si parla di fondi a distribuzione.
I fondi monetari rappresentano un investimento poco rischioso e con un orizzonte temporale di breve periodo. Infatti, il rischio che può derivare da investimenti obbligazionari a breve scadenza è riconducibile alle oscillazioni dei prezzi dei titoli causate da un’imprevista variazione dei tassi di interesse di mercato. Per le caratteristiche citate, i fondi di liquidità (monetari) sono particolarmente adatti per investitori con bassa propensione al rischio, con orizzonte temporale piuttosto breve (3 – 6 mesi) e con esigenze di liquidità programmabili e prevedibili.
I fondi di liquidità si caratterizzano per avere un livello di commissioni di gestione nettamente più basso rispetto alle altre categorie di fondi comuni di investimento.

Pampurini / Borello Università Cattolica del Sacro Cuore
23 Marzo 2015
Partner
Top