Fondo comune di investimento

I fondi comuni di investimento, definiti anche dalla legge con l’acronimo OICR (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio), sono patrimoni collettivi gestiti da una Società di Gestione del risparmio. Essi sono costituiti dalle somme raccolte da una pluralità di investitori mediante la sottoscrizione di quote di partecipazione; ciascun partecipante detiene un certo numero di quote che è proporzionale all’importo investito e che rappresenta la sua percentuale di partecipazione al patrimonio totale. Ai fini di una maggior tutela degli investitori, il patrimonio del fondo comune di investimento è giuridicamente separato dal patrimonio della SGR che lo gestisce.
Esistono quindi diverse tipologie di fondi comuni di investimento che si differenziano tra loro in funzione dei criteri di gestione scelti dalla SGR, oppure per il tipo di attività finanziarie in cui può essere investito il patrimonio del fondo e che presentano, quindi, anche profili di rischio-rendimento diversi. In funzione dei criteri di gestione adottati dalla SGR si distinguono:
• Fondi speculativi
• Fondi riservati
• Fondi di diritto lussemburghese
• Fondi a formula
• Exchange traded funds
• Fondi a gestione attiva
• Fondi a gestione passiva
• Fondi comuni aperti
• Fondi comuni chiusi

In funzione delle tipologie di strumenti finanziari in cui può essere investito il patrimonio del fondo si distinguono:
• Fondi di fondi
• Fondi armonizzati
• Fondi non armonizzati
• Fondi monetari
• Fondi obbligazionari
• Fondi azionari
• Fondi bilanciati
• Fondi flessibili

Pampurini / Borello Università Cattolica del Sacro Cuore
23 Marzo 2015
Partner
Top