I numeri

Inflazione Usa sotto le attese, Borse in rally

A novembre l'inflazione Usa è cresciuta del 7,1% su base annua e dello 0,1% su base mensile, dati sotto le attese degli analisti. I mercati hanno risposto incrementando i guadagni in vista della riunione Fed

di Antonio Cardarelli 13 Dicembre 2022 15:10
financialounge -  inflazione mercati
financialounge -  inflazione mercati

L'atteso dato sull'inflazione Usa ha messo il turbo alle Borse europee e ai future di Wall Street. Nel mese di novembre il carovita negli Usa è cresciuto del 7,1% su base annua (attese +7,3%) contro il +7,7% registrato a ottobre. Su base mensile l'aumento è stato dello 0,1% contro attese di un rialzo dello 0,2%. Un dato sotto le previsioni, che arriva un giorno prima l'esito della riunione della Federal Reserve, che a questo punto, sostenuta anche dall'inflazione in frenata, probabilmente alzerà i tassi di "soli" 50 punti base.

DATO IN CALO


Il dato "core" dell'inflazione Usa è diminuito dal 6,3% al 6%. Il dato generale è ai minimi dal dicembre 2021, quello 'core' mensile ha fatto registrare l'aumento minore dall'agosto 2021. I prezzi dei generi alimentari sono aumentati dello 0,6%, per un aumento annuale del 12%. I prezzi dell'energia sono diminuiti dell'1,6% rispetto a un mese prima, quarto ribasso negli ultimi cinque mesi, con un aumento del 13,1% rispetto a un anno prima.

FIAMMATA IN BORSA


La frenata dell'inflazione Usa ha dato nuova spinta ai listini europei incluso il Ftse Mib di Milano, passato da +0,8% pre-inflazione a un rialzo del 2%. Anche sulle altre piazze finanziarie europee i guadagni sono sostanzialmente raddoppiati. A Wall Street, poco prima dell'apertura, il future sul Dow Jones tocca +2,68%, quello sullo S&P 500 un +3,35% e quello sul Nasdaq 100 un +4,69%. Prezzi in forte rialzo per i titoli del Tesoro statunitensi, con il rendimento del decennale che scende sotto il 3,5%.
Read more:
Trending