Cresce il nervosismo

Mercati azionari ancora sotto pressione

Lunedì di perdite per i mercati europei, con gli investitori in apprensione per gli sviluppi della guerra in Ucraina e per la Fed. In rosso anche Wall Street, prosegue il calo del Bitcoin

di Antonio Cardarelli 9 Maggio 2022 15:15
financialounge -  bitcoin Borse europee mercati Piazza Affari
financialounge -  bitcoin Borse europee mercati Piazza Affari

Dopo una settimana chiusa con perdite intorno al 4%, le Borse europee cominciano con nuovi ribassi. La pressione sui mercati azionari del Vecchio Continente rimane alta. Milano, Londra, Parigi e Francoforte cedono tutte circa un punto e mezzo percentuale. In Italia occhi puntati anche sullo spread tra Btp e Bund tedeschi, che ha ormai sfondato quota 200 punti base. Apertura in rosso anche per Wall Street, con il Nasdaq a -1,5% e l'S&P 500 a -1,3%.

OCCHI SULLA FED


Cresce l'attesa per il dato dell'inflazione americana, che uscirà mercoledì. In base all'aumento del costo della vita, secondo molti osservatori, la Federal Reserve deciderà il prossimo aumento dei tassi d'interesse. Non è escluso che, di fronte a un incremento dell'inflazione oltre le attese, la Fed possa ritoccare i tassi di 75 punti base, con il rischio di rallentare la crescita economica. Negli Usa, intanto, continuano a salire anche i rendimenti dei Treasury a 10 anni, che hanno toccato il 3,1%.

IN CALO IL MORALE DEGLI INVESTITORI EUROPEI


In Europa la guerra tra Russia e Ucraina continua a tenere in apprensione gli investitori, con le prospettive di una ricaduta sui prezzi delle materie prime. Lo dimostra l'indice Sentix della zona euro, che misura appunto il morale degli investitori, sceso a -22,6 punti a maggio da -18 di aprile. Un dato così basso non si vedeva da giugno 2020. "L'economia globale è alle prese con una tempesta perfetta - ha detto Manfred Huebner, Managing Director di Sentix - Gli effetti del conflitto in Ucraina stanno diventando sempre più visibili anche nell'economia e la recessione sta diventando visibile".

BITCOIN E PETROLIO IN CALO


I lockdown cinesi causati dalla politica del "Covid zero" hanno frenato il prezzo del petrolio. Il Brent scambia a 110,5 dollari al barile mentre il Wti vale 107,7 dollari al barile. Prosegue il calo del Bitcoin, in perdita per il quinto giorno consecutivo, che ha toccato quota 32.800 dollari, -16% rispetto ai 40mila dollari di giovedì scorso. Tra i titoli di Piazza Affari, riescono a tenere Leonardo e Tenaris.
Trending