Nuove frontiere del trasporto

Credit Suisse AM: dall'auto elettrica al self driving, come cambia la mobilità

Se non siamo ancora arrivati alla guida autonoma, stiamo però andando verso una nuova idea di trasporto su ruote, caratterizzata dalla connessione tra diversi dispositivi e dalla possibilità di vivere un'esperienza di viaggio diversa

di Annalisa Lospinuso 18 Marzo 2022 16:04
financialounge -  auto elettriche Credit Suisse Asset Management mobilità self driving The Digital Times on Tour tour
financialounge -  auto elettriche Credit Suisse Asset Management mobilità self driving The Digital Times on Tour tour

Quando la tecnologia incontra il mondo della mobilità si aprono diversi scenari. Nell’immaginario collettivo il simbolo rimane l’auto con guida autonoma, ma l’applicazione della digitalizzazione al trasporto su gomma offre una miriade di possibilità. Se ne è parlato durante la tappa romana di The Digital Times on Tour, il percorso alla scoperta del volto high tech del nostro Paese e delle soluzioni di prodotto offerte da Credit Suisse Asset Management. A Roma, una delle cinque tappe previste del tour, si è parlato di “Una realtà a mobilità aumentata”.

LA GUIDA AUTONOMA


Le previsioni sul self-driving erano molto ottimistiche, ma i tempi di attuazione si sono rivelati non così veloci come si credeva in passato e man mano si sta accantonando l’idea che il veicolo a guida autonoma possa davvero sostituire l’attività umana. Le barriere da superare sono molte, da quelle legate alla gestione del traffico nelle città a quelle della sicurezza.

NUOVA ESPERIENZA DI GUIDA


Se, dunque, la guida autonoma per le attuali prospettive sembra assumere più le sembianze di un supporto all’autista umano o una funzionalità da attivare in specifiche condizioni controllate come un’autostrada, questo non significa che la trasformazione high tech non stia continuando a cambiare volto al nostro modo di spostarci e di viaggiare. Anzi, l’innovazione ha preso strade diverse ma forse ancora più entusiasmanti, sia per le potenzialità che si generano sia per le ricadute pratiche sulla quotidianità e sull’intero pianeta Terra.

VEICOLI COME HUB DI COMUNICAZIONE


I veicoli sono diventati hub di comunicazione, perché consentono ai passeggeri di essere intrattenuti e avere un’esperienza diversa di guida, ma allo stesso tempo sono connessi con altri mezzi o con l’infrastruttura stradale. Le opportunità legate al 5G, all’Internet delle cose, ai Vehicle-to-vehicle e Vehicle-to-infrastructure, sono tante perché si genera una gran quantità di dati che, se ben gestiti con l’intelligenza artificiale, possono portare ad analisi dettagliate su spostamenti, viaggi, traffico, etc. Un’esperienza completamente diversa che migliora la qualità del viaggio.

LA MOBILITA' DEL FUTURO


La mobilità del futuro non può più prescindere da un altro ramo dell’innovazione che impatta meno sul nostro quotidiano viaggiare, ma molto di più sul nostro pianeta. La transizione energetica, dallo sfruttamento dei combustibili fossili verso l’elettrificazione, è non soltanto una necessità condivisa a livello globale ma anche un imperativo per il prossimo futuro. La strada è ancora lunga, dato che i dati più recenti parlano di un 40% di energia elettrica generata in modo green in Italia, o appena poco più del 20% se si considerano i consumi energetici nazionali complessivi, ma iniziare a piccoli passi può essere importante per l’uomo e per il pianeta.

NUOVE FRONTIERE NEL METAVERSO


The Digital Times on Tour è stata anche l’occasione per analizzare come cambierà il senso stesso del viaggiare, anche da un punto di vista concettuale e filosofico. App, connessioni, internet delle cose ci permettono già oggi di avere un’esperienza unica di guida, durante la quale è possibile fare tante attività. In futuro queste estensioni potrebbero andare oltre, sfociando nel Metaverso e aprendo nuovi orizzonti. Potremmo addirittura essere in due posti diversi contemporaneamente.

LE SFIDE FUTURE


La storia dell’evoluzione dell’uomo è fatta di cambiamenti: dagli animali ai tronchi, da carri e carrozze a treni, automobili, autocarri, aerei e razzi. E la sfida oggi non è tanto di inventare mezzi nuovi, quanto rendere ciò che abbiamo più confortevole, tecnologico, efficiente e sostenibile.
Trending