Ipo nel mirino

Crolla a Piazza Affari Health Italia (-33%) dopo l’inchiesta della Guardia di Finanza

Il titolo è sospeso dalle quotazioni sull’Aim, lo stesso listino del caso Bio-on, dopo il sequestro di 21 milioni di euro per una presunta truffa ai danni dagli investitori. La società: “Estranea ai fatti”

di Fabrizio Arnhold 8 Ottobre 2021 - 12:20
financialounge - news
financialounge - news

Il titolo di Health Italia, società che opera nella sanità integrativa e attiva nel mercato delle soluzioni per il benessere di famiglie e dipendenti di aziende, è sospeso dalle quotazioni oggi, con un ribasso teorico del 33%, come riporta Teleborsa. Al centro delle indagini della Guardia di Finanza di Milano, che ha sequestrato oltre 21 milioni di euro per una presunta truffa ai danni di circa 1.500 investitori, c’è anche la quotazione all’Aim della società. L’ad Massimiliano Alfieri lascia la carica.



L’INDAGINE


Sarebbero oltre mille e 500 gli investitori raggirati che hanno visto andare in fumo i propri risparmi, in parte finiti anche sui conti di Health Italia, quotata sull’Aim (Euronext Growth Italia), a Piazza Affari, lo stesso listino dove due anni fa l’inchiesta su Bio-on aveva preoccupato gli investitori. La Procura di Milano sta facendo luce su una presunta maxi truffa, come scritto da Reuters, con la Guardia di Finanza che ieri ha sequestrato 21 milioni di euro.



IPO NEL MIRINO


Nel decreto di sequestro, si fa riferimento anche alla quotazione di Health Italia, avvenuta nel febbraio 2017, che viene citata come episodio di autoriciclaggio. Nello specifico, al momento della quotazione, la società sarebbe stata direttamente riconducibile a un “soggetto societario su cui erano confluiti parte dei proventi delle truffe”. La Gdf in un comunicato riferisce che gli 11 indagati, residenti in Svizzera, in Lombardia e nel Pesarese, sono accusati di aver truffato quasi 1.500 investitori. 



LA REPLICA


“Health Italia S.p.A., con riferimento alle notizie diffuse sugli organi di stampa nelle ultime ore relative all’indagine a carico del consigliere Massimiliano Alfieri e all’applicazione di un sequestro preventivo nei suoi confronti precisa di essere completamente estranea ai fatti a cui l’indagine si riferisce”, fa sapere la società con una nota. “Massimiliano Alfieri, già Amministratore Delegato della Società, è attualmente componente del Consiglio di Amministratore della Società, ed è titolare di una partecipazione pari al 61,90% del capitale sociale di Sorgiva Holding S.p.A. e al 50,00% di Isola S.p.A., titolari rispettivamente del 29,54% e del 5,05% del capitale sociale di Health Italia. La Società, per quanto di sua competenza, continuerà a monitorare gli sviluppi della vicenda al fine di fornire una tempestiva informativa al mercato”.



NEL 2021 RICAVI PER 18,5 MILIONI


Il titolo di Health Italia ieri ha chiuso in rialzo del +9,3%. Nei giorni scorsi Mediobanca aveva rivisto al rialzo il prezzo obiettivo, portandolo a 3,3 euro (da 2,8 euro) e aveva migliorato il giudizio sul titolo a “Outperform” da “Neutral”. La società ha chiuso il primo semestre del 2021 con ricavi per 18,5 milioni, in crescita del 31% anno su anno. Ieri la società aveva approvato il progetto di scissione parziale proporzionale avente ad oggetto gli immobili detenuti dalla Health Italia a favore della controllata Rebirth. Operazione che sarebbe funzionale alla ammissione delle azioni di Rebirth alle negoziazioni su Aim Italia.

Trending