cina

Renminbi, può svalutarsi di un altro 5 per cento rispetto al dollaro

Gli operatori finanziari di Hong Kong in questo inizio di 2017 ritengono probabile che possa proseguire la svalutazione del renminbi cinese sul dollaro del 5 per cento.

20 Gennaio 2017 09:23
financialounge -  cina dollaro donald Trump Renminbi tassi di cambio tassi di interesse USA
financialounge -  cina dollaro donald Trump Renminbi tassi di cambio tassi di interesse USA

I tassi di interesse e l’andamento del dollaro americano. Sono queste le due principali preoccupazioni per l’anno appena iniziato per gli investitori di Hong Kong in base ad un sondaggio effettuato sul campo in questi giorni da una banca d’affari svizzera. Gli investitori che operano nell’importante piazza finanziaria asiatica, che rappresenta un osservatorio privilegiato per conoscere le tendenze dei grandi investitori internazionali sui mercati cinesi, hanno indicato come massima fonte di preoccupazione il trend relativo ai tassi di interesse USA e del biglietto verde, davanti ai possibili impatti sulla crescita economica che potranno derivare dalle decisioni dell’Amministrazione Trump e persino al di sopra delle politiche commerciali degli Stati Uniti.

A proposito di queste ultime, la convinzione degli operatori di Hong Kong è che il neo presidente possa adottare solo una parte delle significative restrizioni commerciali degli Stati Uniti verso la Cina promesse in campagna elettorale. Gli effetti della preoccupazione sui tassi e sulla divisa americana dovrebbero far sentire gli effetti sul renminbi e sui deflussi di capitale dalla Cina.
Oltre il 70% degli investitori di Hong Kong ha dichiarato che il renminbi cinese dovrebbe proseguire il suo declino nei confronti del dollaro americano, sebbene senza particolari forzature.

La maggior parte degli operatori prevede che a fine anno il tasso di cambio Usd/ Cny (ovvero dollaro USA / renminbi) si posizioni in area 7,2: significherebbe una ulteriore svalutazione di circa il 5% rispetto agli attuali valori che, a loro volta, sono del 4 per cento al di sotto del cambio di 12 mesi fa. Per quanto riguarda infine le preoccupazioni circa la crescita del debito del sistema creditizio cinese, gli investitori di Hong Kong ritengono che le autorità di Pechino sono nelle condizioni di controllarlo facendolo rientrare a poco a poco con qualche operazione di write off (cancellazione delle sofferenze sui bilanci) e qualche copertura tramite interventi statali.
Trending