fondi a cedola

Un fondo a scadenza nel 2020, cedole semestrali e i vantaggi della diversificazione

Credit Suisse (Lux) Fixed Maturity Bond Fund 2020 S-1 diversifica il portafoglio in 235 obbligazioni societarie in Usd e liquiderà cedole del 2 per cento su base annua.

30 Settembre 2016 09:20
financialounge -  fondi a cedola Frank Di Crocco
financialounge -  fondi a cedola Frank Di Crocco

In un contesto di mercato in cui aumentano in modo sensibile la quota di titoli obbligazionari euro con rendimento negativo, diventa sempre più difficile per il risparmiatore retail riuscire a trovare soluzioni capaci di soddisfare le proprie esigenze in termini di cedole e di rischi non eccessivi. A questo scopo è stato lanciato il Credit Suisse (Lux) Fixed Maturity Bond Fund 2020 S-1 che si propone di riconoscere agli investitori un rendimento interessante a scadenza breve e predefinita. Abbiamo chiesto a Frank Di Crocco, responsabile retail distribution Credit Suisse Asset Management in Italia, a chi può essere indicato questo prodotto, e alcuni degli aspetti distintivi.

A chi è dedicato principalmente il fondo?
È adatto soprattutto agli investitori abituati alle obbligazioni rispetto alle quali la struttura del fondo garantisce una più ampia diversificazione in termini di emittenti e quindi una sensibile riduzione del rischio dell’investimento. Riteniamo che possa configurarsi come un’ottima soluzione sia per chi ha la necessità di sostituire un’obbligazione giunta a scadenza e sia per coloro che hanno liquidità da investire e che non intendano accontentarsi dei risicati rendimenti attualmente offerti dal mercato monetario euro.

La cedola è già prefissata e come verrà liquidata?
La cedola su base annua è già prefissata al due per cento con stacco due volta all’anno, il 31 marzo e il 30 settembre, con un importo semestrale dell’1%.

Il fondo è investito in obbligazioni con rating sia Investment Grade che Non-Investment Grade di mercati industriali ed emergenti, denominate in dollari Usd: come viene gestito il rischio di cambio euro – dollaro?
Il portafoglio è investito in 235 obbligazioni societarie denominate in dollari Usd e il cliente può scegliere tra il comparto classe B, che è senza copertura del rischio di cambio euro – dollaro Usd e quindi espone il risparmiatore ai rischi e alle opportunità di variazione del biglietto verde rispetto alla moneta unica, e il comparto classe BH il cui nav (net asset value, cioè il valore della singola quota) è convertito in euro, sterilizzando così ogni rischio di cambio a carico del sottoscrittore.

Il 30 settembre 2020 il fondo esaurisce la sua attività: cosa succederà?
Verrà rimborsato il capitale in base ai 235 bond in portafoglio giunti a scadenza. E’ vero che qualcuno di questi emittenti, benché siano stati selezionati accuratamente prima di essere inseriti in portafoglio, potrebbe nel frattempo fallire ma è altrettanto vero che il team di gestione durante i quattro anni seguirà gli andamenti di mercato e quelli dei singoli emittenti e potrebbe pertanto vendere un titolo in portafoglio prima della scadenza (sostituendolo con un altro ritenuto più affidabile) qualora la percezione del merito di credito diminuisca in modo sensibile.

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da Credit Suisse Asset Management
Trending