Patrimonio complessivo in crescita per l’Industria del Risparmio

Raccolta netta negativa per 3 miliardi di euro nel primo trimestre 2012 ma il patrimonio complessivo dell’industria del risparmio gestito in Italia è comunque in crescita del 3,9% a quota 974 miliardi a fine marzo 2012.

E’ quanto risulta in base all’ultimo rapporto redatto da Assogestioni, l’associazione di categoria delle società di gestione italiane. Gli asset under management, cioè i patrimoni in gestione, sono equamente ripartiti tra le Gestioni Collettive (479,4 miliardi), che comprendono i fondi comuni aperti e quelli chiusi, e le Gestioni di Portafoglio (495,1 miliardi), che invece includono le gestioni patrimoniali in fondi, quelle in titoli e le gestioni assicurative e previdenziali.

Raccolta positiva per i fondi obbligazionari (+ 5,2 miliardi) e per le gestioni di patrimoni Previdenziali (+1,4 miliardi) e di prodotti Assicurativi (+933 milioni): in rosso, al contrario, i saldi trimestrali dei fondi azionari (-1,2 miliardi di euro), flessibili (-1,8 miliardi), monetari (-2,9 miliardi), bilanciati (-164 milioni) e dei fondi hedge (-549 milioni).

Le Gestioni Collettive archiviano il trimestre con 1,2 miliardi di euro in uscita. La raccolta positiva dei fondi di diritto estero (+ 4,1 miliardi) limita i deflussi dell’intero sistema, portando il saldo dei fondi aperti a -1,3 miliardi nel trimestre.
Da notare che il patrimonio investito in fondi aperti, pari a 437 miliardi di euro, è soltanto per il 34,5% impiegato in prodotti di diritto italiano.

Le Gestioni di Portafoglio detengono un patrimonio di 495 miliardi di euro e la raccolta trimestrale è negativa per 1,8 miliardi. Nel trimestre le gestioni assicurative sono la tipologia di prodotti gestiti che ha fatto registrare il maggiore incremento di quota di mercato: con 291,7 miliardi in gestione rappresentano il 29,9% dell’intero mercato contro il 28,6% di fine dicembre 2011.

fonte dati: Assogestioni




FinanciaLounge
16 Maggio 2012
Partner
Top