BlackRock cauta sulla tenuta del rally dei treasury Usa

di Redazione

A marzo è continuata la corsa dei prezzi dei T-Bond con conseguente calo dei rendimenti, ma il movimento potrebbe essere stato eccessivo, anche se i Treasuries restano un asset chiave nella diversificazione

Da inizio anno i prezzi dei titoli del Tesoro americano hanno fatto una bella corsa, con conseguente movimento in direzione opposta dei rendimenti. Un movimento che riflette un profondo mutamento, forse eccessivo, delle aspettative sulle prossime mosse della Fed in materia di tassi, passate dall’attesa di due mosse al rialzo nel 2019 lo scorso autunno alla prospettiva che invece il prossimo passo sarà al ribasso. Questo non vuol dire però che i Treasuries vadano abbandonati, in quanto mantengono un ruolo chiave come asset per la costruzione di un portafoglio resiliente. Intanto si attendono indicazioni dalla Bce, forse già al termine della riunione di oggi, in materia di tassi negativi. Sono le conclusioni cui giunge Richard Turnill, Global Chief Investment Strategist di BlackRock, nella sua analisi deedicata al recente rally dei titoli del Tesoro americani.

ECCESSIVA LA SVOLTA DELLE ASPETTATIVE DEI MERCATI

La chart all fine del paragrafo mostra come in pochi mesi le aspettative del mercato sulle prossime mosse della Fed siano mutate drasticamente. Ma, aggiunge Turnill commentando il grafico, non ci sono garanzie che le previsioni si traducano poi in accadimenti concreti. Nel corso di marzo il rendimento del Treasury a 5-anni è calato a 2,25% dal 2,5%, un movimento che non si vedeva dai tempi dello storno di Wall Street e sull’azionario globale di fine dicembre. A inizio aprile i rendimenti hanno recuperato qualcosa, ma restano comunque sotto i massimi di inizio marzo. L’esperto di BlackRock osserva che forse la reazione del mercato alla svolta della Fed, che si è messa in pausa sui tassi a fine 2018, ha scontato che la Banca Centrale fosse diventata più ‘colomba’ di quanto effettivamente fosse. Infatti i mercati sono passati dallo scontare in autunno due aumenti dei tassi entro la fine del 2020 a prezzare viceversa poche settimane dopo addirittura due tagli entro lo stesso arco di tempo. BlackRock invece continua ad aspettarsi che la prossima mossa sia al rialzo anche se non a breve.

Le aspettative di mercato sulle mosse della Fed (Fonte: BlackRock Investment Institute, sulla base di dati Bloomberg)
Le aspettative di mercato sulle mosse della Fed (Fonte: BlackRock Investment Institute, sulla base di dati Bloomberg)

BISOGNA ESSERE PAZIENTI COME FA LA FED

Un altro fattore che ha causato la reazione eccessiva del mercato sono stati i dati economici europei molto deboli, che hanno rafforzato la percezione dei rischi evidenziati dalla BCE a inizio marzo, letti dal mercato nel contesto di una svolta accomodante delle banche centrali globali. Gli investitori sembrano aver interpretato la debolezza europea come un segnale di rallentamento oltre le attese dell’economia globale, mentre Turnill continua a vedere un rallentamento tipico della fase di fine ciclo che continua, evitando comunque una recessione nel corso del 2019. L’esperto di BlackRock cita a sostegno di questa lettura il rimbalzo cinese che dovrebbe sostenere la crescita globale con la performance americana destinata a surclassare quella del resto dell’area sviluppata, Europa compresa.

La Fed punta a un’economia più bilanciata e sostenibile

La Fed punta a un’economia più bilanciata e sostenibile

T-BOND SEMPRE IMPORTANTI PER LA DIVERSIFICAZIONE

Inoltre, il movimento al ribasso dei rendimenti dei T-Bond sembra essere stato esacerbato da fattori tecnici, tra cui Turnill cita operazioni di hedging sui mutui immobiliari americani, notando che questo tipo di acquisti raramente ha effetti di lunga durata sul mercato. Per questo BlackRock invita ad essere pazienti, proprio come la Fed, ed evitare di aumentare ancora l’esposizione sui Treasury aspettando che i rendimenti sulla scadenza a 5 anni tornino nel range del 2,4-2,6% visto a inizio 2019. Detto questo, i titoli del Tesoro americano mantengono tutta la loro attrattiva come fattore per la diversificazione di portafoglio, per la tradizionale correlazione inversa con l’azionario americano, che dovrebbe perdurare in un’economia a fine ciclo. In generale, nel reddito fisso BlackRock continua a guardare soprattutto al rendimento, che può aggiungere una componente di ritorno al portafoglio nei prossimi trimestri, con una preferenza per le scadenze più brevi e ai bond con caratteristiche di protezione dall’inflazione.

 

DNY59 / iStock / Getty Images Plus


FinanciaLounge
10 Aprile 2019
Partner
Top