Previsioni di mercato per il III trimestre, ecco 3 temi d’investimento da approfondire

Il focus degli esperti GSAM su investimenti alternativi, strategie a valore relativo nel mondo obbligazionario tradizionale e mercati emergenti.

In occasione della presentazione dell’outlook trimestrale (Market Know How), il team Strategic Advisory Solutions di Goldman Sachs Asset Management (GSAM) approfondisce, tra gli altri, questi 3 temi d’investimento: investimenti alternativi, strategie a valore relativo nel mondo obbligazionario tradizionale e mercati emergenti.
Sono questi i tre temi che emergono con maggior rilievo nel Market Know How, la pubblicazione di GSAM nella quale vengono proposte trimestralmente le view di mercato della società e le tematiche di investimento principali.

Relativamente agli investimenti alternativi, gli esperti di GSAM sottolineano come questi possano oggi apportare valore nei portafogli considerando gli attuali livelli elevati di valutazioni. Ad esempio, guardando le valutazioni dell’azionario americano, i rendimenti attesi nei prossimi 10 anni potrebbero essere molto bassi se non negativi. Ed è proprio in questo contesto di bassi rendimenti attesi che le strategie alternative diventano ancora più importanti. Esse infatti possono offrire un rendimento simile all’azionario ma con molta meno volatilità, come dimostra l’indice di Sharpe, molto migliore per queste strategie rispetto all’azionario statunitense.

Passando al mondo dell’obbligazionario tradizionale, i professionisti di GSAM mettono in evidenza come le strategie flessibili possano essere ideali soprattutto in questo contesto . Le flessibilità, o meglio avere la possibilità di andare sia lunghi (posizioni rialziste) che corti (posizioni ribassiste), aiutano a massimizzare il rendimento in un mondo dove il rendimento offerto è ormai molto basso, se non addirittura negativo in termini reali, considerando l’inflazione. Inoltre, la possibilità di movimento in ambo le direzioni consente di migliorare la gestione del rischio. Le caratteristiche fondamentali del panorama obbligazionario sono cambiate notevolmente negli ultimi 10 anni, con riferimento ai mercati sviluppati: le cedole sono più contenute, i titoli obbligazionari hanno una scadenza più lunga e i rendimenti offerti più’ bassi. Tutto questo aumenta il rischio tasso rispetto al passato: gli investitori dovranno pertanto essere ancora più prudenti nella propria gestione. In quest’ottica, alcune strategie alternative mirate possono trasformare un ambiente difficile in opportunità addizionali per generare rendimento.

Infine, ma non certo per importanza, i mercati emergenti, l’asset class dove gli esperti di GSAM ravvisano più valore. Il notevole miglioramento macroeconomico registrato da questi paesi negli ultimi anni li ha resi più stabili. Inoltre negli ultimi mesi il sentiment degli investitori sta ritornando positivo in parallelo ai flussi e alle performance di queste classi di attivo. Nel comparto del debito emergente GSAM continua a vedere valore nel rendimento addizionale offerto da questa asset class, mentre nel comparto azionario, in linea con quanto menzionato in precedenza, è molto positiva sul netto miglioramento negli utili registrato quest’anno, che potrebbe portare a buone performance su questa classe di attivo.

* L’outlook di mercato per il terzo trimestre illustrato nel Market Know How del team Strategic Advisory Solutions di Goldman Sachs Asset Management è disponibile al seguente link.

ARTICOLO AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI E QUALIFICATI.

Tutti gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita del capitale. Le opinioni espresse sono quelle dell’autore/autori alla data di pubblicazione del documento e possono variare in qualsiasi momento a causa di cambiamenti del mercato o delle condizioni economiche. Tutte le informazioni concernenti, i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sui risultati della ricerca, delle analisi e delle opinioni dell’autore/autori. Pertanto, talune conclusioni sono anche di natura speculativa e potrebbero quindi non realizzarsi. I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Tutti gli investimenti comportano rischi, tra cui la possibile perdita del capitale.

**  Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da Goldman Sachs




FinanciaLounge
6 luglio 2017
Partner
Top