Perché alcuni consulenti utilizzano altri esperti per gestire il proprio denaro

Negli Stati Uniti diversi consulenti preferiscono chiedere ad altri professionisti del settore di occuparsi della propria pianificazione finanziaria e previdenziale.

Può sembrano strano, se non addirittura paradossale, ma negli Stati Uniti, alcuni consulenti finanziari di successo utilizzano altri colleghi per fare gestire loro il proprio denaro. Nel mercato dove i consulenti finanziari si sono affermati prima e più che nelle altre parti del mondo e dove i robo advisor sono una realtà già piuttosto diffusa, alcuni esperti dell’asset management preferiscono che ad occuparsi della propria pianificazione finanziaria e previdenziale sia un altro professionista del settore.

Anche coloro che possono vantare molti anni di esperienza rivelano che disporre di altri occhi e un’altra testa ‘professionale’ indipendente per valutare il proprio capitale e gli obiettivi da perseguire rappresenta un valido aiuto: spesso consente di delineare un percorso che non avrebbero potuto considerare, anche perché è difficile essere obiettivi sulle proprie finanze.

Alcuni esperti indipendenti, tra psicologi e studiosi della finanza comportamentale, ritengono infatti che sia una buona idea per i consulenti finanziari quella di utilizzare i servizi dei loro colleghi di settore. Tale rapporto è in grado di generare benefici per entrambe le parti; per coloro che ricevono il consiglio, in quanto stanno ottenendo una view esterna sulle proprie finanze personali analizzata in prima persona da un altro professionista del settore; per quelli che forniscono il consiglio, che possono constatare come un altro professionista nel settore pensa e che strategie di investimento adotta, ricavandone idee e intuizioni per contribuire a servire ancora meglio gli altri suoi clienti.

In pratica, i consulenti che assumono altri consulenti per le proprie finanze sono in grado di connettersi ancora meglio con i propri clienti: alcuni professionisti che hanno adottato questa scelta hanno dichiarato di essere diventati più empatici verso i propri clienti, rafforzando la condivisione dei valori, degli obiettivi, delle situazioni e delle sfide.




FinanciaLounge
12 maggio 2017
Partner
Top