Pianificazione pensionistica, va preparata adeguatamente in anticipo

L’onere per il risparmio previdenziale si è spostato dai datori di lavoro ai dipendenti per questo è necessaria in anticipo una corretta pianificazione pensionistica.

La progettazione di una maggiore tutela che agevoli l’uscita dal mondo del lavoro. In modo da preparare adeguatamente in anticipo la pensione rispettando le priorità individuali e il profilo del singolo risparmiatore. È questo uno degli aspetti di maggior rilievo che Larry Fink, Chairman & Chief Executive Officer di BlackRock, ha affrontato nella Corporate Governance Letter 2017 inviata ai CEO delle più importanti aziende nel mondo nelle quali una larga maggioranza dei clienti di BlackRock investe.

“Rimango fermamente convinto che i benefici complessivi della globalizzazione siano stati significativi, e che le aziende globali abbiano svolto un ruolo di primo piano nel guidare la crescita e prosperità” commenta Larry Fink, che poi però aggiunge: “Tuttavia, non vi è dubbio che i benefici della globalizzazione siano stati condivisi in modo diseguale, creando benefici sproporzionati a favore dei lavoratori più altamente qualificati, in particolare quelli attivi nelle aree urbane”.

Oltre ad una crescita delle retribuzioni non uniforme, emerge che la tecnologia sta trasformando il mercato del lavoro, eliminando milioni di posti di lavoro con conseguenze drammatiche per i lavoratori meno qualificati ma con nuove opportunità per le figure professionali altamente istruite. I lavoratori i cui ruoli vengono persi dai cambiamenti tecnologici sono chiamati spesso ad affrontare il pensionamento con risparmi inadeguati, anche perché sempre di più l’onere per il risparmio per la pensione si è spostato dai datori di lavoro ai dipendenti.

Le aziende devono impegnarsi per lo sviluppo di un sistema pensionistico più sicuro e sostenibile per tutti i lavoratori, compresi i milioni di dipendenti occupati in aziende più piccole che non sono coperti da piani previdenziali finanziati dal datore di lavoro.

Per Larry Fink, la crisi di pensionamento non è affatto un problema insormontabile. Sia perché esistono già una vasta gamma di strumenti a disposizione (dai piani di adesione automatica alla partecipazione in pool per le piccole imprese, fino ai modelli che uniscono il contributo obbligatorio del dipendente con quello del datore di lavoro) e sia perché si può (e si deve) aumentare la consapevolezza della necessità di pensare alla pensione non solo negli ultimi anni di vita lavorativa.

“Un altro fattore fondamentale consisterà nel migliorare la comprensione dei dipendenti di come prepararsi per la pensione” specifica Larry Fink che raccomanda alle aziende, in qualità di amministratore di piani di pensionamento dei loro dipendenti, di farsi carico della responsabilità di costruire l’alfabetizzazione finanziaria nella loro forza lavoro, soprattutto perché i dipendenti hanno assunto una maggiore responsabilità attraverso il passaggio dalle pensioni tradizionali ai piani a contribuzione definita.

“Anche gli asset manager hanno un ruolo importante nella costruzione di alfabetizzazione finanziaria e, purtroppo, come industria abbiamo fatto un pessimo lavoro fino ad oggi” ammette Larry Fink secondo il quale adesso è giunto il momento di potenziare le informazioni e i servizi per i risparmiatori grazie alle nuove tecnologie e la formazione di cui hanno bisogno per prendere decisioni finanziarie intelligenti.

“Se abbiamo intenzione di risolvere la crisi del pensionamento – e aiutare i lavoratori adattarsi ad un mondo globalizzato – le imprese hanno bisogno di tenersi ad un alto livello e di agire con la convinzione che la sicurezza di pensionamento è una questione di sicurezza economica condivisa. E che la sicurezza economica condivisa può essere raggiunta solo attraverso un approccio a lungo termine da parte degli investitori, delle aziende e della classe politica” conclude Larry Fink.

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da BlackRock

FinanciaLounge
26 gennaio 2017
Partner
Top